Gli Open Data per il patrimonio culturale della Campania

Evento di conclusione dei progetti di Alternanza Scuola – Lavoro con il Progetto Hetor

Venerdì 11 Maggio 2018 si è tenuto, presso l’Aula P1 dell’Università degli Studi di Salerno, l’evento finale dei progetti di Alternanza Scuola – Lavoro.

Le scuole coinvolte nelle attività con il Progetto Hetor hanno presentato i risultati del lavoro svolto durante il loro percorso.

 

 

Gli studenti hanno lavorato nell’ambito della valorizzazione del patrimonio culturale della Regione Campania. Come risultato gli alunni hanno contribuito alla creazione di dataset pubblicati con licenza open e la stesura di articoli pubblicati sul blog del progetto Hetor.

Hanno aperto la giornata i saluti del Professor Vittorio Scarano, Dipartimento di Informatica, Università di Salerno e Coordinatore del Progetto Europeo ROUTE-TO-PA, EU Horizon 2020, del quale Hetor è pilot, che ha ringraziato tutti i presenti per l’impegno profuso e per la riuscita del progetto.

Inoltre hanno partecipato all’evento personalità nazionali ed internazionali del mondo degli Open Data:

  • Francesca De Chiara (The Govlab Fellow at New York University & Researcher at Digital Commons Lab, Fondazione Bruno Kessler), esperta di Open Data dal 2011, ha mostrato agli studenti un video realizzato dall’Open Government Partnership nel 2012, ma ancora molto attuale, per spiegare come sia nato il dibattito sugli Open Data e per spiegare come i governi stiano utilizzando dati pubblici per risolvere problemi quotidiani, citando anche piattaforme collaborative per la produzione di Open Data quali OpenStreetMap e Wikimedia;
  • Conchita D’Ambrosio (Ethical Advisor del Progetto ROUTE-TO-PA Professoressa di economia presso l’Università del Lussemburgo), produttrice ed utilizzatrice in prima persona di Open Data.  Durante il suo intervento ha sottolineato come i giovani di oggi si troveranno a dover affrontare un mondo del lavoro completamente diverso da quello che conosciamo oggi e come, questo primo approccio legato al mondo della tecnologia degli Open Data possa servirgli in futuro;
  • Jerry Andriessen (Wise & Munro, Coordinatore WP 5 del Progetto ROUTE-TO-PA, The Hague, NL) ha mostrato come è nato e come si è evoluto nel corso degli anni il progetto ROUTE-TO-PA, in particolare analizzando l’importanza dei pilot di progetto.

 

Successivamente la parola è passata ai ragazzi, che hanno esposto le attività svolte durante il loro percorso di Alternanza Scuola – Lavoro con il progetto Hetor.

Le scuole che hanno partecipato sono:

  • I.I.S. A.M. Maffucci – Calitri (Av)
  • I.I.S.S. G.B. Vico – Nocera Inferiore (Sa)
  • I.S.I.S. Ferraris – Buccini – Marcianise (Ce)
  • Liceo Scientifico Statale A. Diaz – San Nicola La Strada (Ce)
  • Liceo Scientifico Statale P.S. Mancini – Avellino (Av)
  • ProfAgri Salerno – sede di Castel San Giorgio (Sa)

 

 

Sono stati realizzati in totale 36 dataset:

 

Click to load...

 

 

 

Click to load...

 

 

 

Click to load...

 

 

 

Click to load...

 

 

 

Click to load...

 

 

 

Click to load...

 

 

In una seconda fase si è passati alla visione dei poster allestiti dagli studenti, con i quali hanno presentato agli ospiti e alle altre scuole presenti, il processo di realizzazione dei dataset da loro realizzati, dalla ricerca delle fonti fino alla realizzazione della tabella vera e propria e delle datalet ottenute dai dati.

In conclusione Mirjam Pardijs (Wise & Munro,  e Learning research For understanding practices of learning, The Hague, NL), insieme a Jerry Andriessen hanno espresso il loro apprezzamento per i lavori realizzati dagli studenti, dopo averli attentamente osservati e discusso con loro, sottolineando soprattutto l’importanza del ruolo che hanno avuto proprio gli studenti nell’ambito del progetto ROUTE-TO-PA e come siano stati abili nell’utilizzare uno strumento apparentemente difficile come la piattaforma SPOD in modo così proficuo.

Alla fine della manifestazione il Prof. Vittorio Scarano, congratulandosi con le scuole per i risultati raggiunti, ha consegnato ai docenti rappresentanti di ogni scuola degli attestati di partecipazione.

 

 

 

 

Seguici su Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *