Via Giovanni Paolo II, Fisciano

Università degli Studi di Salerno

Scrivici a:

hetor@routetopa.eu

Le progettualità del Distretto DATABENC

Soluzioni integrate in un’unica struttura tecnologica, organizzativa e culturale.

Il Distretto intende promuovere lo sviluppo di una politica industriale di medio e lungo periodo che veda nel Patrimonio Culturale l’occasione per costruire un valore con il quale creare sviluppo per il territorio.

Questo obiettivo utilizza interventi innovativi basati su servizi ed infrastrutture tecnologiche e sociali che vedono come aspetti di interesse dei Beni Culturali i Single Smart Space, ovvero spazi in cui le persone vengono messe a contatto con una realtà fatta di oggetti e contesti culturali capaci di suscitare interesse, perché ne viene offerta una percezione diretta o una loro conoscenza o una combinazione di percezione e conoscenza.

In sintesi, le progettualità DATABENC puntano all’utilizzo innovativo di nuove tecnologie per rendere possibili nuovi modi di comunicare con le persone e renderle partecipi della gestione dei beni culturali. Questo può avvenire investendo sulla costruzione di reti di interesse intorno all’immenso patrimonio di cui il nostro Territorio è depositario. In questi interventi e soluzioni, le tecnologie, soprattutto quelle ICT, svolgono il loro ruolo di facilitatori di processi fondati sull’insieme delle competenze attive nella filiera distrettuale, costruita intorno ai temi della conoscenza integrata, del monitoraggio diagnostico, della valorizzazione e della fruizione.

Le progettualità DATABENC intendono favorire soluzioni in grado non solo di sostenersi ma anche di rinnovarsi implementandosi con successive realizzazioni. Il Distretto mira in tal modo a proporsi come polo di riferimento tecnologico nel settore dei Beni Culturali per il Sud Italia, anche attraverso la promozione di un brand distrettuale e di azioni comuni con altri soggetti analoghi su scala nazionale e internazionale, soprattutto extra-europea, così da aumentare la visibilità dei giacimenti culturali della regione Campania e sperimentare le opportunità di successo delle soluzioni high-tech made in Italy sui mercati mondiali.