Università degli Studi di Salerno

Salerno, Italia

Email

hetor@routetopa.eu

Lun-Ven

09.00-18.00

FB: progettohetor

IG: progetto_hetor

Hetor: la Campania da riscoprire

Risultati della ricerca:

Author Archive by Vanja Annunziata

Mercatini di Natale al Museo ferroviario di Pietrarsa

Waiting for Christmas: Natale al Museo ferroviario di Pietrarsa

È ufficialmente partita la terza edizione dei “Mercatini di Natale Napoli” che si terranno nella splendida cornice dello storico Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa.

Dal 27 novembre al 30 dicembre questo luogo, già incantato di suo, sarà pervaso dalla magia del Natale:  i tanti  espositori e lo staff vi intratterrano con spettacoli ed eventi per grandi e piccini.

Situato alla periferia di Napoli, tra San Giovanni a Teduccio e Portici, il museo sorge proprio sul primo tratto ferroviario italiano,  la linea Napoli ‐ Portici, inaugurata il 3 ottobre 1839.

In questa enorme struttura, è conservata la storia delle locomotive e dei vagoni che raccontano l’evoluzione dei treni della società italiana.

 

Il museo è stato realizzato proprio dove un tempo sorgevano i padiglioni del Reale Opificio Meccanico, Pirotecnico e per le Locomotive fondato da Ferdinando II di Borbone nel 1840, che decise di impiantare in questo luogo un’industria siderurgica per emergere dalla supremazia imposta da Francia e Inghilterra.

Le attività iniziarono fin da subito e, col passare degli anni, furono condotte sempre più in grande: soltanto nel 1853 a Pietrarsa lavoravano circa 700 operai che realizzarono ben 7 locomotive, facendo di questo luogo il primo vero nucleo industriale italiano, addirittura anticipando di 57 anni la nascita della Fiat.

 

L’opificio fu attivo fino al 1975, quando ormai le locomotive elettriche e il diesel si erano del tutto affermati, determinando il declino dei mezzi a vapore.

Le officine furono quindi destinate a diventare museo ferroviario: dopo i lavori di adeguamento dello stabile e ristrutturazione, il museo fu inaugurato il 7 ottobre 1989 in occasione del 150º anniversario delle ferrovie italiane. Successivamente chiuso dopo un lungo periodo di ristrutturazione, il museo è stato riaperto il 19 dicembre del 2007.

Nel corso degli anni il museo ha vissuto continui restauri ed aggiornamenti, diventando il luogo prestigioso e affascinante che conosciamo oggi.

 

Camminare nelle sale del Museo di Pietrarsa è un po’ come fare un viaggio nel tempo: in questo spazio espositivo che attualmente si estende per circa 36.000 metri quadrati e 7 padiglioni, sono conservati 55 progetti ferroviari, tra locomotive a vapore, elettriche, a corrente continua, a diesel ma anche interi vagoni e carrozze passeggeri.

Il tutto è stato corredato dall’ausilio delle nuove tecnologie, con la creazione di una sala cinema, una sala congressi e con sistemi di realtà virtuale e interattiva, per far ottenere una visita più realistica e immersiva allo spettatore.

Se a tutto questo aggiungiamo anche la vista spettacolare sul Golfo di Napoli di cui si può godere dalla struttura e l’ampio giardino che la circonda, allora sì che l’occhio del visitatore non potrà che restarne estasiato.

 

In questo periodo dell’anno c’è ancora un ulteriore motivo per correre a visitarlo: il museo ospiterà i mercatini di Natale che tornano, dopo un anno di stop forzato, ad inondare il luogo della tipica atmosfera natalizia.

Per l’occasione il museo sarà addobbato a festa, con le luci e i colori del Natale. Le sale accoglieranno le tipiche casette in legno di numerosi espositori tra artigiani, ristoratori e produttori dell’enogastronomia campana.

Il programma è fitto di eventi: spettacoli, cabaret, artisti di strada, musica dal vivo, ma anche attività ludico – didattiche adatte ai bambini.

 

Il museo oggi è gestito dalla Fondazione FS Italiane delle Ferrovie dello Stato Italiane, custode e gestore del grande patrimonio storico di tutte le ferrovie d’Italia, che si occupa delle numerose collezioni, esposizioni ed eventi del museo. Consultate il loro sito per rimanere sempre aggiornati sulle varie novità che propongono, tra cui visite guidate ed esperienze didattiche.

E se siete impazienti di scoprire il fascino di questo luogo dilettatevi con il tour virtuale che vi catapulterà nella storia del posto.